Banca di Asti, 15 milioni alle imprese di Genova dalla nuova filiale di Via Brigata Liguria 58R.

  • Post Author:
  • Post Category:News

[et_pb_section bb_built=”1″][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text]

La sede Banca di Asti di via Brigata Liguria 58R a Genova.
La sede Banca di Asti di via Brigata Liguria 58R a Genova.

Banca di Asti ha stanziato un plafond di 15 milioni di euro a tasso zero al fine di sostenere le imprese con sede operativa a Genova che per qualunque ragione abbiano subito danni a seguito del crollo del ponte Morandi. Il finanziamento potrà essere utilizzato per spese gestionali e di investimento per una durata compresa tra 2 e 7 anni.

“Da genovese sono molto orgoglioso dell’iniziativa messa in atto dalla banca per cui lavoro: abito a Genova e so quanto siano pesanti le conseguenze del crollo del ponte Morandi” dichiara Roberto Benassi, Responsabile del Servizio Coordinamento e Sviluppo Reti Territoriali “Siamo una Banca di relazione, ben integrata nei territori in cui operiamo e ci siamo sentiti in dovere di fornire il nostro sostegno a Genova per ripartire.”

Un aiuto concreto alle imprese da un Gruppo bancario solido e ben patrimonializzato presente in 5 regioni con 240 filiali bancarie e, con l’acquisizione della maggioranza di Pitagora S.p.A. (settore finanziamento contro cessione del quinto dello stipendio o della pensione), presente con oltre 70 agenzie finanziarie su tutto il territorio nazionale.

I risultati conseguiti al 30 giugno da Banca di Asti e dalle aziende del Gruppo confermano il quadro di solidità espresso dagli indicatori patrimoniali: il CET 1 Ratio, indicatore di solvibilità basato sul patrimonio di qualità primaria, e il Total Capital Ratio consolidati, ammontano, rispettivamente, all’11,5% e al 14,6%, ben al di sopra dei requisiti minimi regolamentari, pari al 7,6% e all’11,6%. L’utile netto consolidato conseguito nei primi 6 mesi del 2018 ammonta a 11,7 milioni di euro, in crescita rispetto allo stesso periodo del 2017 (+14,67% rispetto al 30 giugno 2017), al netto degli accantonamenti per il Fondo Esuberi e i contributi straordinari al Fondo di Risoluzione Nazionale, che porterebbero l’utile a 23,6 milioni.

Franco Garaventa, direttore della filiale di Genova, insieme ai suoi collaboratori è a disposizione per accogliere tutte le persone interessate, in Via Brigata Liguria 58/R – Tel.  010 247 6393 – email direttore.genova@bancadiasti.it, dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:20 alle 13:10 e dalle 14:30 alle 16:10.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]