L’assemblea straordinaria degli azionisti approva l’aumento di capitale

L’Assemblea straordinaria degli azionisti della Cassa di Risparmio di Asti, riunitasi in data odierna, ha approvato l’aumento del capitale sociale a pagamento per massimi nominali Euro 82.560.000 circa, oltre al sovrapprezzo, in via scindibile, per un controvalore massimo complessivo di circa Euro 200.000.000, incluso il sovrapprezzo, da offrire in opzione a tutti gli azionisti della Banca e al pubblico (in relazione alle azioni che non saranno sottoscritte nell’ambito dell’offerta in opzione, anche a seguito dell’esercizio del diritto di prelazione da parte degli aventi diritto ai sensi dell’art. 2441, comma 3, cod. civ.). La proposta prevede che il prezzo di sottoscrizione delle azioni di nuova emissione (compreso tra un minimo di Euro 12,50 ed un massimo di Euro 14,50, per ciascuna azione, incluso il sovrapprezzo), il rapporto di opzione, nonché il termine finale per l’esercizio del diritto di opzione (comunque non inferiore a 15 giorni), siano determinati da un successivo Consiglio di Amministrazione.

L’aumento di capitale sarà realizzato attraverso l’emissione, in regime di dematerializzazione, di massime numero 16.000.000 azioni del valore nominale di Euro 5,16 cadauna, che avranno le stesse caratteristiche e attribuiranno i medesimi diritti delle azioni della Cassa di Risparmio di Asti in circolazione alla data della loro emissione.

L’offerta in opzione e al pubblico avverrà nel corso del secondo/terzo trimestre del 2015, subordinatamente al rilascio dell’autorizzazione della Consob alla pubblicazione del relativo Prospetto Informativo. La data di inizio del periodo di offerta sarà comunicata successivamente e secondo le modalità previste dalla legge.

DISCLAIMER

Il presente comunicato e le informazioni ivi contenute non includono o costituiscono un’offerta di sottoscrizione di strumenti finanziari, o una sollecitazione di un’offerta a sottoscrivere strumenti finanziari né in Italia né negli Stati Uniti, in Australia, Canada o Giappone né in qualsiasi altro Paese in cui tale offerta o sollecitazione sarebbe soggetta all’autorizzazione da parte di autorità locali o comunque vietata ai sensi di legge (gli “Altri Paesi”). Il presente comunicato, parte di esso o la sua distribuzione non possono costituire la base di, né può essere fatto affidamento sullo stesso rispetto a, un eventuale accordo o decisione di investimento. Qualsiasi decisione di investimento potrà essere basata esclusivamente sul Prospetto Informativo che la Banca pubblicherà prima dell’avvio dell’offerta ai sensi di legge.

Leave a Reply